il capitale umano ICT

La realtà è molto semplice: il nostro Paese nel suo complesso non investe in capitale umano, in educazione, nella formazione dei giovani. Non investe sui talenti, non li attira e non fa nulla per trattenerli. Non ci curiamo delle nuove tecnologie e non creiamo, riconosciamo e valorizziamo leader che le sappiano dominare e sfruttare.

Poi ci chiediamo perché siamo in crisi? Abbiamo ancora bisogno di osservatori, studi, analisi per scoprire l’ovvio?
Alfonso Fuggetta

Il capitale umano ICT: Tutti lo invocano, ma chi se ne cura realmente?

È tutto vero

Mentre il web italiota è in fermento per la sconfitta della Juve in Champions League … ehm … per la spinosa questione della EU cookie-law, gli utenti sono più avanti e nelle mailing list tecniche ho ricevuto già qualche email sul tono della seguente [la prima che perora la causa]:

Scusate il breve OT qualcuno sa il modo di bloccare queste fastidiosissimo finestre mi stanno dando noia so bene che cosa sono e non mi serve l'avviso che me lo ricordi ogni volta. Grazie

Io gli ho risposto, ma a ben pensarci dovevo consigliargli di scrivere al Garante esponendo la sua lamentela ed esigenza (e sacrosanto diritto) di non essere rotto le scatole …

Testmy.net – ancora sulla misurazione della velocità della connessione ADSL

Nei commenti del mio post di ieri su Speedof.me come strumento di misurazione delle performance dell’ADSL casalinga, l’amico Roberto mi ha consigliato di provare anche questo http://testmy.net →

Dalla misurazione fatta al lavoro ho trovato i risultati più vicini alle reali potenzialità della rete dell’Area di Ricerca il risultato.

I risultati qui a casa, ottenuti da un test fatto poco dopo le 6 AM, sono sotto i tuoi occhi. Ho una connessione Infostrada a 20MB ‘veri’. Mentre ieri sera Speedof.me, sempre qui a casa, mi aveva dato questo risultato:

speed test alternativi

150603204120-85185

Oggi l’amico Maurizio mi ha segnalato questo tool, meno noto rispetto ai più blasonati strumenti di misurazione della velocità delle nostre ADSL, ma senz’altro interessante. Il servizio si chiama Speedof.me →

Il risultato riportato è fatto dalla connessione qui a Bari, presso l’Area di Ricerca del CNR senza spegnere alcuno dei servizi “internet” in uso sul computer.

my feelings, exactly

Il guaio è che rischiano di ottenere per vie traverse quello che è stato evitato più volte in passato, per esempio quando si era vociferato che ogni blog sarebbe stato paragonato ad una pubblicazione giornalistica, e come tale si sarebbe dovuta registrare ad un Tribunale con nomina di un direttore iscritto all’ordine dei giornalisti.

 

Nel 2001 si riuscì ad evitare inserendo una norma per cui “l’aggiornamento privo di periodicità” era sufficiente a classificare uno spazio web personale (anche di informazione) come un prodotto ben distinto da un giornale o un periodico; nel 2007 di nuovo si parlò di qualcosa del genere, quando in sei anni il numero dei blog e dei blogger era incrementato enormemente, essendo gli anni d’oro del fenomeno prima dei social network, e ci fu un’altra mobilitazione per impedire il bavaglio.

 

Che ora l’obiettivo sia raggiunto (involontariamente o meno) attraverso la motivazione della privacy, sarebbe proprio beffardo.
afullo su Vi sentite più consapevoli della Vostra privacy?