Permalink

“If the work that you propose to do isn’t virtually certain of success, then it won’t be funded,” he said. “Of course, the kind of work that we would most like to see take place, which is groundbreaking and innovative, lies at the other extreme.”

Ben McNeil, Is there a creativity deficit in science?

Permalink

Una falla di sicurezza dell’app “Trova il mio iPhone” ha permesso il leak di foto private di vip che ha provocato il fappening del secolo. Secondo le prime indiscrezioni che escono da Apple, un bug ha permesso la nascita del caso, attraverso il sistema di archiviazione di file che si chiama iCloud. [… omissis …] Secondo quanto si ipotizza, il caso ha coinvolto (a quanto pare) iCloud ma le tecniche utilizzate sono, a grandi linee, valide anche per sistemi simili: Dropbox, Google Drive, OneDrive Microsoft e altri.Tutti molto usati e tutti con sistemi automatici che duplicano nel cloud le immagini scattate dagli smartphone. [… omissis …] Le soluzioni? A quanto pare ce n’è una sola:

Quando si vogliono salvare foto o documenti particolarmente riservati, il consiglio è quello di non memorizzarli sul cloud,perché in questo modo vengono messi in rete e quindi c’è il rischio che possano essere rubati.

neXt-quotidiano

Permalink

Bye, Google Maps.

sulle pagine di Medium.com fa un’attenta disamina dell’app Citymapper confrontandola, mediante casi d’uso reali, con il ben più blasonato Google Maps. Dagli screenshot e dai video di cattura operativi si vede come la prima abbia un design più strettamente collegato alla funzione e all’efficienza, piuttosto che ad una bellezza estetica fine a se stessa…