Formato del Post

migrare (la posta) da Microsoft Outlook a Mail.app

Apple Mail.app icon Sempre nella scia delle potenziali domande e risposte su tutto quello che avresti voluto chiedere su Mac OS X e non hai mai osato chiedere penso che sia tra le principali domande quella di come importare / migrare la posta da Microsoft Outlook all’applicazione Apple di base dedicata alla posta elettronica: Mail.app.

Prima di cominciare ti metto a conoscenza di una cosa buffa.

Microsoft Entourage (clone di Outlook nella suite Office 2004 per Mac) non importa nulla da Microsoft Outlook, quindi una parte della mini-guida che segue sarà  utile anche a chi vorrà rimanere legato a Microsoft per la posta sul proprio sistema Mac.

Possiamo separare le operazioni fondamentali secondo le tre tipologie di dati che migreremo: la rubrica, il calendario e i messaggi di posta.

Gran parte delle operazioni che seguono sono del tutto inutili se si possiede un dispositivo mobile che siete soliti tenere sincronizzato con il PIM client di Microsoft. Infatti iSync (incluso nel sistema), the MissingSync, PocketMac e altri software similari possono risolvere brillantemente e con pochi click questa operazione, avendo cura inizialmente di settare il Mac come semplice ricettore dei dati importati, e successivamente abilitare la bidirezionalità del trasferimento dati.

Il Calendario.
Avendo avuto sinora sempre a che fare con cellulari Nokia e Sony-Ericsson pienamente supportati da iSync non ho avuto il problema di trovare hack particolari per la risoluzione del problema. Se mai dovessi farlo comincerei la ricerca della soluzione dando un occhio al progetto RemoteCalendars.

La Rubrica.
Qui c’è un “trucco” veramente sciocco da applicare, in Outlook 2003 (e altri ?) basta selezionare tutti i contatti ed esportarli in dormato vCard. Metti tutti questi piccoli file in una directory su una penna usb o similare, inseriscila sul Mac, apri la Rubrica e trascina la cartella (nella sua interezza) sopra la finestra della Rubrica. Fatto !

Le e-mail.
Visto che un modo diretto non c’è (e che mi sono rifiutato di usare software a pagamento per ottenere lo scopo) il lavoro sporco di importazione lo faremo fare ai client di posta di casa Mozilla, che sia quello incluso nella suite Mozilla/SeaMonkey o Thunderbird ci è indifferente, il processo sarà  lo stesso. Per semplicità, mia simpatia personale verso l’applicazione, e conoscenza del software useremo Thunderbird.

Una delle caratteristiche che uso da sempre con Thunderbird è la gestione del profilo utente (ne ha scritto ottimamente Pseudotecnico in questo post). Per i nostri scopi tale procedura ci servirà a tenere bene in evidenza quella che è la cartella che contiene il nostro Profilo utente (email, impostazioni, e plugin installati) e copiarla sul nostro Mac.

Sempre sfruttando le conoscenze di Pseudotecnico utilizziamo quanto da lui esposto sul forum di Mozilla Italia per creare un nuovo profilo per Thunderbird su OS X. Utilizzeremo quindi la cartella proveniente dal pc copiata sul nostro Mac {personalmente io tengo la posta archiviata in /Users/nicola/Documents/Posta_Thundebird o equivalente su vari sistemi operativi}.

Rimane ora la questione di importare le email dentro Mail.app (o Microsoft Entourage), ma non c’è problema, abbiamo quasi finito.

Useremo adesso Eudora Mailbox Cleaner. Personalmente l’ho provato con Tiger, mentre con Leopard non ho avuto modo di verificarne la bontà, come pare non aver fatto l’autore che avvisa i suoi utenti di un potenziale problema di incompatibilità.

Questo programma serve a “ripulire” i vari file ottenuti dall’importazione delle email di Eudora che – pur se si utilizza il formato “solo testo” nelle email – porta dentro di se pezzi di codice HMTL. Successivamente l’autore si è accorto che questo problema non colpiva solo il client della Qualcomm ma anche altri ed allora ne ha esteso le funzionalità , occupandosi di correggere alcuni errori di importazione dentro Mail.app col suo programma.

In soldoni bisogna:

  • selezionare e trascinare la cartella contente il proprio Profilo sull’icona del programma ‘Eudora Mailbox Cleaner’ che visualizziamo nel Finder e selezionare le opzioni del caso( da Thunderbird come sorgente delle email l’unica che vedremo è quella di importare le email dentro Mail.app). Ovviamente potremo anche solo selezionare determinate cartelle contenute nel profilo, nel caso si voglia lasciare fuori qualcosa dal client di Cupertino.
  • il programma creerà dentro Mail.app una serie di cartelle dal nome identico a quello usato su Thunderbird (che a sua volta rispecchiava quello di Outlook) ci basta quindi cliccare su una cartella per vedere apparire le nostre email. 

Se così non fosse, tenendo selezionata di volta in volta la singola cartella, selezioneremo il comando Ricostruisci dal menù Casella. In questo modo vedremo tutte le nostre email.

I problemi (ma l’americano annoyance rende meglio la sensazione) che si presenteranno saranno: la perdita dello stato “letto / non letto” delle email (che vedremo tutte come non lette) e di eventuali etichette o “flag” che potremmo aver dato alle email nel corso del tempo e la perdita delle regole impostate per smistare la posta (cosa che avviene sin dall’importazione Outlook –> Thunderbird – o altro client – su piattaforma Windows).

La precedente procedura l’ho testata su un archivio di 2.5GB di email del mio capo contente diversi anni di posta, separati per progetto e mittente.


PS #1 = Microsoft Entourage dovrebbe importare in maniera del tutto indolore dai client Mozilla, ampiamente conosciuti e testati negli anni visto il codice aperto con cui sono realizzati!

PS #2 = per il lettore sfigato che usa Outlook Express la questione dovrebbe risolversi nella stessa maniera. Dovrebbe …. YMMV, come dicevo giorni fa ;-)

Blogged with Flock

Tags: , , , ,

Autore: Nicola Losito

È il nickname che mi sono dato nel 1999 quando comprando un pc e contestualmente mi affacciai sul web mi iscrissi ad ICQ. Dagli inizi del 2003 partecipo attivamente al Social Web. Mi fa molto piacere quando qualcuno lascia un commento alle mie tracce digitali. Se il motto di questo blog ti piace, ringrazia Benjamin Lee Whorf che l'ha scritto!

24 commenti

  1. Alfonso Filippi

    15/02/2012 @ 14:17

    Per questioni di lavoro ho dovuto utilizzare Outlook di Microsoft per Mac. Ho provato a scaricare Thunderbird per il passaggio a Mail.app, ma l’importazione in Thunderbird da Outlook di Microsoft sullo stesso Mac non è prevista.
    C’è una ragione?

    Un saluto e grazie per l’eventuale risposta.

    Alfonso

    Rispondi
    • Ciao Alfonso … purtroppo con Outlook di Office:Mac 2011 non ho avuto a che farci e vedo che il modulo di importazione non è che sia il massimo.
      Poi l’articolo che mi hai linkato qua sotto parla di importare in Mail.app le email di Outlook. A me pare che a te serva il contrario.

      Sbaglio ?

      Rispondi
      • Alfonso Filippi

        17/02/2012 @ 12:23

        No, no, mi serviva proprio quello, per questo ho lascito il link.
        E’ una pecca mia che uso Mac da poco tempo. 
        E’ un metodo molto semplice: da Outlook, trascini sulla scrivania le cartelle e te le trasforma in file .mbox. L’importazione dei file .mbox in mail.app è altrettanto semplice. L’unica “pecca” che ho trovato io (ma vale per tutti i trasferimenti da un programma all’altro) è che se hai una cartella molto pesante perde delle mail strada facendo, quindi conviene dividerle in più cartelle e poi eseguire l’operazione. Questo però potrebbe essere un problema soggettivo.
        Ti ringrazio per la risposta e complimenti per il tuo sito web

        Rispondi

Rispondi

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: