in infornatica & telemastica

everyplay, cosmogame e altre fregature in abbonamento

Lo smartphone Android di mio nipote dodicenne si è ritrovato con l’attivazione di un servizio in abbonamento, alla modica cifra di 5€ a settimana, non si è capito esattamente per beneficiare di cosa. E come lo abbia attivato.

Il messaggio di avvenuta attivazione dell’abbonamento invitava a visitare un sito web, oppure telefonare al 0307777696, per la disattivazione.

Insospettito ho fatto una veloce ricerca per vedere le esperienze di altre persone con questi servizi / numerazioni ed ho trovato che il modo per chi è utente della 3 Italia per eliminare questo genere di abbonamenti è telefonare – invece – allo 408530, una numerazione apposita prevista in casi come questa.

La ‘saggezza popolare’, poi, consiglia di chiamare il 133 per chiedere la disattivazione permanente della possibilità di attivare questi servizi mediante una chiacchierata con l’operatore. Pare si chiami BARRING questa opzione.

Purtroppo è domenica e con un operatore non sono riuscito a chiamare dopo tre telefonate. Almeno però ho avuto la comunicazione che sulla numerazione interessata non sono (più) attivi servizi in abbonamento …

le letture consigliate … 5 Luglio, 2015

  • Backchannel, The Apple Watch project – “Gathering the best writing on Medium about the Apple Watch. Now we’re asking you to highlight and respond to these dispatches. Ultimately, we will cull the best passages to make the best Apple Watch review ever.
  • Trying to scratch a collective itch – A Personal Knowledgbase (Part 2)
  • introducing Boomstat
  • 365 Days of Pixel Art
  • Rethink Digital Newspaper: The New York Times

Più grande fuori

Partì per un viaggio alla scoperta dello spazio infinito in una capsula in cui non c’era spazio per niente.

La “fingerstory” di ieri di Daniele Savi mi ha molto colpito. In una quasi banale affermazione c’è qualcosa che mi ha fatto rizzare le antenne, e pensare a come chi si approccia da decenni all’espolorazione spaziale si ritrovi a combattere quotidianamente con la piccolezza dell’essere umano e del suo posto nell’Universo.

Liz Climo

Liz_Climo_205-07-02

Scoperta grazie ad un repost dell’amico @eio nelle pagine del suo Tumblr, ho scoperto i meravigliosi lavori dell’autrice Liz Climo. Ogni sua vignetta è una delicata poesia.

Questa è dedicata a mio cugino. Ho rivisto in lui l’orsacchiotto qua rappresentato…

del conflitto generazionale

[mi fa pensare che, NdA] … il conflitto sociale non sia più percepito come interclasse ma che venga dipinto sempre di più come conflitto intergenerazionale. Ma far credere ai più giovani che basta far fuori i più vecchi per subentrare loro nelle stesse posizioni è una presa per il culo. Purtroppo di questi tempi molti giovani hanno bisogno dei più vecchi, se no come si comprerebbero il telefonino, dove dormirebbero, cosa mangerebbero? Ecco questo è una delle grandi problemi sociali di oggi: la dipendenza, spesso forzata, dei figli dai genitori.
Gianni Mura

Questo, e tante altre considerazioni interessanti nel lungo articolo / intervista su LINKiesta a Gianni Mura: “Il problema del giornalismo è che non si occupa più della realtà”. Consigliatissima la lettura.

Ritrovamenti

Oggi, complice una attesa in sala d’aspetto dal medico, ho riaperto l’app Readability sul mio iPhone dopo un sacco di tempo. Quasi due anni. Vi ho trovati salvati una ventina scarsa di articoli lunghi (secondo quelli che ormai sono gli standard di pubblicazione sul web) e molto interessanti. E sottolineo molto. Ne sono stato contentissimo (e di alcuni vi proporrò estratti nei prossimi giorni).